Cos’è veramente l’ecologia?

Cos’è veramente l’ecologia?

Cos’è veramente l’ecologia?

Perché ecologia ed impresa devono andare di pari passo

Ecologia, ecosistemi, industria

Si parla tanto negli ultimi anni di ecologia, di industria eco-sostenibile, di prodotti bio, ma che cos’è veramente l’ecologia?
L’ecologia fa parte di una scienza più grande, la biologia, ma in particolare si occupa del rapporto che c’è tra un ecosistema e gli essere viventi che lo popolano.

Il primo a parlare di ecologia fu Ernst Haeckel, un biologo tedesco, nel 1866, ma già prima il famoso Darwin, con le sue teorie sull’evoluzione, compì molti studi nell’ambito ecologico.

Dal dopoguerra a oggi si è avuta però la vera crescita di quella che potremmo anche chiamare industria dell’ecologia, cioè la scienza che si occupa di ecologia a 360°, studiando le migliaia di ecosistemi che convivono nel nostro pianeta, cercando di carpirne i segreti, ma anche di trovare il modo di salvaguardarli, perché, se non lo abbiamo ancora capito, questo pianeta che stiamo così maltrattando è al momento l’unico capace di ospitarci.

Un film di qualche anno fa vedeva keanu reeves nei panni di un alieno venuto sulla terra per salvare il pianeta, e ad un certo punto a precisa domanda sul perché stavano devastando così la popolazione umana la sua risposta fu, più o meno, “siamo venuti a salvare la terra”, facendo intuire che la stava salvando da noi.


Imprese al servizio dell’ecologia.

Ovviamente quel film e moltissimi altri con temi “ecologisti” (un altro esempio può essere “Avatar”) servono per smuovere un po’ il pensiero delle masse, per svegliare un po’ le persone su cosa significa vivere in maniera eco sostenibile e perché ci conviene farlo.

Vivere e lavorare in maniera sostenibile significa salvaguardare gran parte degli ecosistemi oggi esistenti, significa crescere i nostri figli in un ambiente più sano, significa concedere alle generazioni future la possibilità di vivere in un mondo migliore di quello di oggi. Sarà mai possibile tutto questo?

Forse si, perché sempre un maggior numero di imprese si sta rivolgendo verso una produzione eco sostenibile, o usando materiali innovativi biodegradabili, o usando energia proveniente da fonti rinnovabili, o ancora portando in sicurezza gli impianti industriali laddove esista la possibilità di inquinamento ambientale.

Anche noi semplici cittadini siamo chiamati a vivere in maniera eco sostenibile, con una cultura più ecologica, ad esempio attraverso la raccolta differenziata, oppure utilizzando taluni elettrodomestici solo in alcune fasce orarie, o installando pannelli solari sulle nostre case, mentre la parte pubblica può contribuire non solo con il risparmio energetico ma anche installando impianti fotovoltaici sugli stadi, palazzetti e grandi edifici.

la responsabilità sociale d’impresa

Non esistono aziende al 100% ecologiche, questo è una dato di fatto, ma ci si può impegnare per farlo nella maniera migliore possibile, coinvolgendo il più possibile tutte le parti che coinvolgono un azienda, dalla reception ai fornitori.

Una responsabilità sociale d’impresa che punta sull’ecologia, sulla sostenibilità aziendale va infatti ad incidere in maniera anche pesante sul processo produttivo, sui materiali usati e quindi fornitori, ma se ben sfruttate a livello di marketing, la mossa ecologista può anche rivelarsi una mossa vincente, a patto che lo sia davvero e non un bluff.

L’impatto ecologico che può avere un azienda può riguardare diversi parametri, che possono essere, ad esempio:

  • Consumo di energia
  • Uso di energie rinnovabili
  • Riciclo dei rifiuti
  • Consumo di acqua
  • Packaging Biodegradabili
  • Uso di coloranti naturali

Ovviamente non è sufficiente agire in questo modo per poter dichiararsi amici dell’ambiente, ma bisogna assolutamente agire secondo le norme vigenti in materia, o addirittura applicare misure più restrittive.

ecologista